Skechers Gowalk Slipon 3 Delle Donne Di Forza Scarpe Da Passeggio X5X7CW

SKU6813125122
Skechers Gowalk Slip-on 3 Delle Donne Di Forza Scarpe Da Passeggio X5X7CW
skechers Skechers Gowalk Slip-on 3 Delle Donne Di Forza Scarpe Da Passeggio X5X7CW Skechers Gowalk Slip-on 3 Delle Donne Di Forza Scarpe Da Passeggio X5X7CW Skechers Gowalk Slip-on 3 Delle Donne Di Forza Scarpe Da Passeggio X5X7CW Skechers Gowalk Slip-on 3 Delle Donne Di Forza Scarpe Da Passeggio X5X7CW Skechers Gowalk Slip-on 3 Delle Donne Di Forza Scarpe Da Passeggio X5X7CW Skechers Gowalk Slip-on 3 Delle Donne Di Forza Scarpe Da Passeggio X5X7CW Skechers Gowalk Slip-on 3 Delle Donne Di Forza Scarpe Da Passeggio X5X7CW Skechers Gowalk Slip-on 3 Delle Donne Di Forza Scarpe Da Passeggio X5X7CW Skechers Gowalk Slip-on 3 Delle Donne Di Forza Scarpe Da Passeggio X5X7CW Skechers Gowalk Slip-on 3 Delle Donne Di Forza Scarpe Da Passeggio X5X7CW Skechers Gowalk Slip-on 3 Delle Donne Di Forza Scarpe Da Passeggio X5X7CW Skechers Gowalk Slip-on 3 Delle Donne Di Forza Scarpe Da Passeggio X5X7CW
  • PER GLI ORDINI DI IMPORTO SUPERIORE A 85€ LA SPEDIZIONE STANDARD È SEMPRE GRATUITA!
  • 100% soddisfatti o rimborsati (servizio di reso entro 28 giorni)

  • Effettua il reso in negozio o tramite corriere

X
Prodotti consigliati Mostra tutti i prodotti
Categorie

Scegli il Paese

Per una corretta elaborazione dell'ordine è importante selezionare il Paese di spedizione prima di iniziare lo shopping.To be able to correctly process your order, it's important that you choose the country you want your order to be shipped to before starting your shopping.

Lingua selezionata Italiano
Avviso: il progetto è concluso, pertanto il sito non è più aggiornato.
[Salta il menù] Scelte rapide da testiera:
Benvenuto nel sito Handitecno dedicato alle tecnologie per disabili nella scuola.

continua...

ricerca avanzata
sei in: home > percorsi guidati > Disturbi specifici di apprendimento > Ausili per la didattica > Lettura-scrittura

Tra le Difficoltà Specifiche di Apprendimento (DSA) sono percentualmente molto rilevanti proprio quelle che riguardano la lettura e la scrittura (dislessia e disgrafia o disortografia). Il panorama dei prodotti software utilizzabili per aiutare studenti che soffrono di questi disturbi oggi è abbastanza ampio.L'insegnante ha quindi molti strumenti a disposizione ma... è importante come sceglierli! Una riabilitazione mirata dà sempre risultati assai migliori di una generica!Dislessia e Disgrafia sono due termini generali che comprendono disturbi di vario tipo (anche molto diversi tra di loro!); prima di iniziare un percorso riabilitativo e quindi prima di scegliere i software da usare è bene capire con esattezza il tipo specifico di difficoltà del singolo alunno (magari richiedendo agli organi competenti una diagnosi specifica!!!). I software disponibili si possono suddividere, a seconda dei loro scopi specifici, in prodotti per:

Codifica e decodifica del testo scritto Si tratta per la maggior parte di esercitazioni ortografiche e di lettura; la loro forma è molto varia: dal cruciverba al puzzle, al gioco di anagrammi, al testo con buchi da riempire ed anche al quiz a scelta multipla. I contenuti sono anch'essi molto vari: vanno dall'esercitazione sulla scrittura di parole "difficili" (uso dell'H parole con la C e la Q ecc...) ad esercizi di lettura visiva (rapida) o di lettura fonologica (lettera x lettera)

Comprensione del testo Si tratta di software che mirano alla comprensione lessicale e testuale, alla strutturazione della frase e del periodo. Nel caso di difficoltà specifiche di lettura e scritturaro sono da considerarsi prevalentemente strumenti di supporto ad apprendimenti secondari (eppur rilevanti) rispetto a quello principale (codifica - decodifica della lingua scritta); anche questi prodotti hanno per la maggior parte caratteristiche formali simili a quelli del primo gruppo e sono principalmente basati su una strategia didattica esercitativa.Tutti i prodotti appartenenti a queste due categorie (decodifica e comprensione del testo scritto) vanno attentamente considerati anche dal punto di vista della loro esauribilità e della loro capacità di essere individualizzati; un posto particolare spetta dunque ai prodotti aperti, a quei prodotti, cioè che consentono di inserire nuovi contenuti, e quindi estendere l'esercitazione e personalizzarla rispetto ai bisogni del singolo utente .

Con alunni Dislessici e Disgrafici possono risultare molto utili anche programmi per:

Scrittura libera o creativa I software per la scrittura di testi, o Word Processor (WP), hanno mostrato in molte occasioni sperimentali di essere uno strumento utile anche per alunni con difficoltà specifiche in quanto i bambini sembrano scrivere più volentieri con questo strumento e talora riescono anche a produrre testi ortograficamente più corretti. In particolare va sottolineata anche la rilevanza dell'uso didattico-rieducativo del correttore ortografico, in dotazione con tutti i principali WP ed anche dell'uso ella sintesi vocale (disponibile solo in alcuni WP).

Collegamenti a Essediquadro

Dal menu principale entrare in 'Il software didattico' -> la banca dati del software-> ricerca avanzata, tra le chiavi disponibili selezionare:

In alcuni casi può essere più opportuno non porre il limite dei prodotti sviluppati per questo tipo di disturbo e quindi effettuare una ricerca in base agli obiettivi didattici su tutti i prodotti per la lingua italiana (senza selezionare il prodotto è accessibile/utilizzabile in presenza di: disturbo specifico di apprendimento ), eventualmente aggiungendo altre chiavi di ricerca.

Dal menu principale entrare in "Per approfondire..."

"A proposito di software per..." --> ... il recupero delle difficoltà di lettura e scrittura nella scuola di base

"Esperienze didattiche" --> Esperienze d'uso --> Difficoltà di letto-scrittura: giochiamo con i nostri errori

Dal menu principale entrare in Ricerca del software --> Ricerca avanzata -->nel campo "il prodotto deve contenere le seguenti parole": ambiente per la creazione di testi , oppure editor di testi , oppure word processor

Dal menu principale entrare in "Per approfondire... " "A proposito di software per... " --> ...L'uso didattico del Word Processor nella scuola elementare

"Esperienze didattiche" --> Esperienze d'uso --> Il castello della fantasia: un palcoscenico per le nostre storie

Ed. linguistica/italiano
Riproduzione e distribuzione

Testo tratto dalle pubblicazioni “ Quaderno di lavoro Quaderno di Lavoro 2 “. Clicca sulle foto per ingrandirle Visita la galleria fotografica dedicata al Fenicottero rosa

Riproduzione

I Fenicotteri sono animali altamente gregari soprattutto durante la nidificazione e lo stimolo alla riproduzione scatta solo se essi sono numerosi.

Nelle regioni del Mediterraneo il calendario riproduttivo è condizionato da più fattori, quali le piogge primaverili, la temperatura e il livello dell’acqua; perciò si hanno deposizioni in tempi differenti a seconda delle regioni: apri le in Camargue, marzo-aprile in Andalusia e febbraio-aprile in Tunisia. La formazione delle coppie è preceduta dalla parata nuziale alla quale prendono parte numerosi individui contemporaneamente. Essa è rappresentata da diversi comportamenti ritualizzati o “ ” ripetuti ritmicamente dai componenti dell’intero gruppo.

Ogni singolo individuo protrae il collo verso l’alto e ruota il capo più volte da un lato all’altro in sincronia con gli altri componenti del gruppo (figura head-flagging o testa a bandiera). Successivamente apre le ali completamente, mostrando il piumaggio rosso e nero delle copritrici alari inferiori ( figura wing-salute o saluto d’ala ), facendo infine l’inchino prostrando il collo in avanti ( figura inverted wingsalute o inverso del saluto d’ala ). Intense parate servono per formare gruppi di uccelli in uno stato fisiologico simile, che possano successivamente sincronizzare la deposizione delle uova. Così gruppi in parata si formano indipendentemente dalle condizioni dell’ambiente: se gli uccelli trovano le condizioni favorevoli, presto saranno in grado di iniziare la nidificazione. Il nido, un cumulo di fango di forma troncoconica, alto circa 30-40 cm e concavo alla sommità, è costruito in aree fangose emergenti in acque poco profonde. Entrambi i membri della coppia provvedono alla costruzione del nido, raccogliendo il fango con il becco, stando già accovacciati sul luogo prescelto ed alternandosi in questa attività. La covata è costituita da un unico uovo, bianco e gessoso inizialmente e grigio macchiettato in seguito, che misura circa 90 x 55 mm . Esso viene covato alternativamente dal maschio e dalla femmina e, qualora venga perso, è occasionalmente possibile una seconda deposizione entro una settimana circa. Durante la cova, il genitore ogni tanto rimuove l’uovo, rigirandolo delicatamente con il becco o spostandolo leggermente con i piedi, per mantenerlo a temperatura costante. Dopo circa 28 giorni di incubazione nasce il pulcino, ricoperto di un piumino bianco corto e fitto, con zampe e becco corti e rosa. Seminidifugo, lascia il nido quando ha circa 7-12 giorni. Infatti dopo una decina di giorni, i piccoli si riuniscono in folti gruppi (créche o asilo nido) vigilati da alcuni adulti, mentre la maggior parte dei genitori si sposta in altri stagni per alimentarsi e ritorna la sera per nutrire i propri piccoli. Nel primo tratto dell’apparato digerente dei genitori sono presenti delle ghiandole che secernono una sorta di latte (simile al “latte di piccione”) costituito da grassi, proteine e carboidrati con il quale i piccoli vengono nutriti becco a becco fino all’età di circa due mesi o più. Raggiunto il piumaggio giovanile, completo delle penne del volo, essi imparano a volare a circa 70-78 giorni dalla schiusa, ma possono rimanere nella créche fino anche a 100 giorni. I Fenicotteri rosa raggiungono la maturità sessuale a 2-3 anni.

Homepage
Rubrica Consigli Rubrica Decorazione d’interni
21 febbraio 2017 | Manuela Hess Diametro Scarpa Nera Heisman Uomo Skechers yUGTKB

Senza tempo, alla moda e funzionale: ecco lo stile abitativo scandinavo. Anna Berg, proprietaria di holm° Scandinavian Design, spiega cosa si cela dietro a questa definizione e Le svela qualche trucco per arredare la Sua casa in pieno stile scandinavo.

Che cosa plasma e caratterizza lo stile abitativo scandinavo?

Anna Berg: Lo stile scandinavo è caratterizzato dal mix di funzionalità e bellezza. I materiali e le forme funzionano con tanti stili architettonici diversi. Si tratta fondamentalmente di uno stile senza tempo. A seconda di come si «condisce» lo stile, l’arredamento diventa più o meno trendy.

Anna Berg:

Proprio negli ultimi anni lo stile scandinavo è entrato in perfetto connubio con lo spirito del tempo. Oltre agli stili retrò di successo, ha sviluppato un’impronta più giovane, frivola e altrettanto apprezzata.

Lo stile scandinavo è caratterizzato dal mix di funzionalità e bellezza.

Questo vale naturalmente anche per altri paesi nei quali è parte della cultura. Ritengo, tuttavia, quando un elevato numero di creativi di una determinata regione ha successo, questo attira l'attenzione internazionale. Questo è quanto è successo in Scandinavia verso la metà dell’ultimo secolo. Ed è un fenomeno ancora attuale.

In termini puramente estetici, sì. Lo dimostrano le storie di successo come quella dell’IKEA. Lo stile scandinavo è rappresentato in tutto il mondo, lo si trova in case di persone benestanti e in quelle di persone con mezzi più modesti. Non è mai stato vistoso. Quando si spendono dei soldi per il design scandinavo, lo si fa spinti dall’amore per i dettagli belli e particolarmente lavorati e per i prodotti senza tempo, che mantengono il loro valore. Per chi non se ne intende, il lusso non è appariscente.

Occorre scegliere un mix che emani calore, nonostante la linea sia piuttosto sobria. Non basta aggiungere un elemento classico.

holm° Interior Design.

Parliamo e facciamo tante domande , da un lato, sulle esigenze pratiche e, d’altro lato, sul gusto personale e sulle preferenze di stile.

Italian Indie

Samuele Onelia

144 Share
Tweet
Share

Le Armi della Persuasione

L’opera del dottor Robert Cialdini è una lettura imprescindibile per chi si occupa di marketing.

Parlando di questo libro su Facebook, un fan di Italian Indie ha fatto questo commento:

Lo condivido in pieno. Comprendere le dinamiche sociali che regolano tutte le nostre relazioni è fondamentale.

L’applicazione di questo libro non riguarda solo il marketing, ma ogni situazione in cui almeno due persone si incontrano.

Cialdini organizza il libro attorno alle 6 armi della persuasione, i principi che influenzano tutte le reazioni umane.

Andiamo nel dettaglio.

Le Armi Della Persuasione : Recensione

Capitolo 1: La Persuasione Il primo capitolo è introduttivo, e spiega che come ogni animale che si muove sul pianeta, anche gli esseri umani, hanno sviluppato delle reazioni automatiche.

Un esempio? Siamo abituati a considerare “costoso=buono”. È solo un capitolo d’assaggio i piatti migliori arrivano col successivo.

Capitolo 2: Reciprocità Se qualcuno ti aiuta sei naturalmente predisposto a ricambiare il favore. È un comportamento che si è radicato in tutte le culture umane.

Un bell’esempio al riguardo è quello che raccontava Andrea Giuliodori quando l’ho intervistato. Dopo aver curato il suo blog per un paio d’anni ha messo in vendita il suo primo ebook. Le vendite sono andate molto bene, ma è rimasto positivamente stupito quando alcuni clienti gli hanno scritto mail del tipo:

“Andrea non penso di aver bisogno della tua guida, ma il tuo blog mi è stato di grande aiuto per cui acquisto comunque il tuo prodotto, per ringraziarti”.

Capitolo 3: Impegno e coerenza Come diceva Leonardo Da Vinci: .

Una volta compiuta una scelta iniziamo a giustificarla con le argomentazioni più varie. Essere coerenti, è un valore positivo per gli altri ma soprattutto per noi stessi. Per questo quando prendiamo un impegno vogliamo dimostrare che lo portiamo a termine.

Questo viene ampiamente sfruttato dalle aziende, che applicano questa leva di persuasione facendo assumere ai clienti degli impegni minimi. Cercano di ottenere una serie di apprezzamenti minimi, che richiedono pochissimo impegno. Quando poi arriva il momento di acquistare il cliente decide di mostrare coerenza verso quella serie di piccole decisioni.

Credo sia stato uno dei fattori del successo della famosa pubblicità “Think different” di Apple. Non proponevano nessun prodotto (il logo appariva per pochi fotogrammi nel finale), semplicemente chiedevano ai telespettatori di allinearsi con le persone che vanno contro corrente, con i ribelli. A tutti piacciono queste persone (specie i personaggi mostrati nel video), per cui la reazione comune è stata “Certo anch’io penso in modo diverso”. Così, chi ha visto quella pubblicità quando è andato a comprare un nuovo lettore mp3 o un nuovo computer, desiderava essere coerente con sé stesso. Dimostrare che davvero anche lui era uno che pensava in modo diverso.

Capitolo 3: Riprova sociale Senza grosse difficoltà è possibile acquistare follower o fan per qualsiasi social network. Portano interazioni o acquisti alle ditte che li comprano? No. Allora perché, chi opera questo tipo di vendite fa ottimi affari?

Semplice, vedere 10.000 follower su un profilo rende meritevole di attenzione. Anche se solo 27 sono persone reali.

Chi vede quel numero è propenso a pensare che un profilo con così tanti follower di sicuro ha qualcosa di interessante da dire.

Ovviamente questo non si applica solo ai social netwok. In ogni ambito in cui c’è qualcosa da vendere si cerca di mostrare che già molti altri hanno acquistato quel prodotto.

Capitolo 4: Simpatia Joe Girard vende una media di 5 automobili al giorno (Guinness dei primati come miglior venditore).

Come ci riesce? Prezzo onesto e soprattutto un legame di simpatia con il cliente. Come si instaura un legame di simpatia? Cialdini nel libro riporta 5 fattori.

Capitolo 5: Autorità Che ti piaccia o no, siamo istruiti fin dalla nascita a rispettare l’autorità. E anche senza educazione, il processo evolutivo delle società umane ci porta a creare delle gerarchie di rispetto. Anche in questo caso è una risposta stereotipata ed è utile conoscerne le caratteristiche principali. Come indentifichiamo l’autorità?

Sono stati condotti molti test per verificare l’influenza dell’autorità nel comportamento umano. Cialdini nel libro riporta una varietà di situazioni e nota che quando una persona cerca di prevedere la propria reazione davanti a questo stimolo, la sottovaluta sempre. Se pensi che a te l’autorità non faccia alcun effetto, ti stai sbagliando.

Capitolo 6: Scarsità L’ultima arma di persuasione è la percezione del limite. Tutto quello che ci appare limitato, proibito, esclusivo sembra più desiderabile. Citando Cialdini:

Ovviamente è una delle strategie di vendita più usate per convincere gli indecisi.

Le Armi della Persuasione : Comprarlo o Non Comprarlo?

È un libro fondamentale nel marketing, anche se non te ne rendi conto qualunque sia la tua attività il marketing ci entra, per cui è una lettura che merita.

Quello che ti ho presentato su questo post è solo un riassunto. Per comprendere in modo completo le armi della persuasione, come sfruttarle e come difendersi devi assolutamente leggerlo, non bastano poche righe di riassunto.

Mi rendo conto che sarebbe meglio identificare dei casi in cui questo libro non serve, ma non ci riesco. Se vuoi crescere come venditore, come imprenditore e sopratutto come persona questa è semplicemente una lettura fantastica. Quindi compralo, fattelo prestare o rubalo, ma trova il tempo per leggere Le Armi della Persuasione. Se, invece, l’hai già letto, lascia il tuo parere nei commenti.

Titoli

Save the Children Italia Onlus

Servizio Sostenitori

Hai una richiesta specifica?

Seguici sui social